Guida alle radiotrasmittenti pmr446

Scarica l'ebook

Scarica l’ebook

Ho scritto, nelle scorse settimane, una guida per principianti sul mondo delle ricetrasmittenti di libera vendita e libero uso PMR446.

Le pmr446 sono radio utilizzabili da tutti, illimitatamente e senza dover conseguire alcuna abilitazione come la patente di radioamatore. Sono gioielli molto particolari, in condizioni ideali vi permettono di coprire distanze chilometriche nonostante l’alta frequenza e la bassa potenza e questo ebook vi giuderà passo passo dall’acquisto della radio giusta, alla registrazione, sino alla comprensione dello strumento e del suo funzionamento al fine di ottenere il massimo livello di ricezione e comunicazione in diversi scenari.

Disponibile su Amazon a solo 2,99€ oppure gratuito per il programma Kindle Unlimited.

[ SCARICA L’EBOOK ]

Di seguito, la sinossi e la tabella dei contenuti… Continua a leggere

FIDO U2F Security Key per l’accesso a GMail e altri servizi BigG

OLYMPUS DIGITAL CAMERAHo finalmente avuto modo di testare la Security KEY che implementa lo standard FIDO U2F per l’autenticazione in 2 step senza l’utilizzo di una one time password.

La seguente chiavetta, acquistata su Amazon per meno di 5.99€ permette l’accesso a GMail e a tutti i servizi Google senza dover ricevere sul cellulare ogni volta l’SMS con il pin da inserire come secondo fattore.

Basta infatti loggarsi con la propria password, a questo punto, il server si metterà in attesa dell’inserimento della chiavetta. Questo token di autenticazione, infatti, non ha alcun bisogno di hardware e driver dedicati ma semplicemente di una porta usb. Funziona egregiamente con i tre principali OS (GNU/Linux, Windows e OSX) nelle versioni compatibili e la sua azione è istantanea: una volta infatti inserita la chiavetta, essa effettua insieme al server l’autenticazione ed in pochi secondi si è loggati nel servizio e si può rimuovere il token dalla porta usb.

Continua a leggere

Roguelike, ogni dispositivo Android dovrebbe averne uno!

Di coloro che hanno giocato a NetHack o qualche altro roguelike, pochi sono tornati indietro… e coloro che sono tornati indietro lo hanno fatto bestemmiando. 😀

Citazione trovata in questo blog:
A differenza del fatto che la grafica di NetHack pare primitiva rispetto agli standard attuali, il gameplay dei giochi di oggi appare primitivo di fronte allo standard di  NetHack

I roguelike, ovvero i giochi simili a Rogue, sono giochi di ruolo all’apparenza scarni e semplici al punto che nelle versioni classiche non richiedono grafica: il player è rappresentato da una @ e un drago da una D. La verità è che a differenza della grafica che per le versioni adatte ai puristi è praticamente assente, c’è un lavoro spesso anche ventennale sulle meccaniche di gioco. Immaginate quindi un gioco sviluppato da più di vent’anni i cui sforzi si sono tutti concentrati sulle meccaniche: ci si può aspettare di tutto! Soprattutto se dopo qualche partita ci si comincia a chiedere se, di questi 20 anni, magari 15 sono stati dedicati a come far morire il giocatore in condizioni molto bizzarre (vedi YASD)  come una indigestione. Una volta addirittura un mago mi spara qualcosa di infuocato ed io, forte della mia resistenza al fuoco, non mi ero curato del fatto che le pozioni che portavo nelle ampolle di vetro erano andate in ebollizione facendo esplodere il contenitore, uccidendomi nella deflagrazione. -_-”

Continua a leggere