Tre anni prima di Snowden

Tre anni prima che Snowden e “The Guardian” rivelassero al mondo intero i programmi segreti di controllo e data gathering sviluppati dall’NSA, già si parlava di backdoor inserite da parte dell’FBI nel framework di crittografia di OpenBSD.

Innanzitutto vorrei anticipare che, sino ad oggi, nessuna backdoor è stata individuata all’interno del sistema OpenBSD che, a tutti gli effetti, rimane uno dei sistemi operativi con meno vulnerabilità riscontrate del panorama dei sistemi unix e unix-like.

Tuttavia è bene conoscere questa storia, riguardante un ipotetico whistleblower del 2010 per poi concludere con gli sviluppi attuali della vicenda stando alle parole del fondatore e capo progetto di OpenBSD: Theo de Raadt, che gentilmente ha risposto alle mie domande sull’argomento.

Continua a leggere

Annunci