Custodia anti-tracciamento fai da te

OLYMPUS DIGITAL CAMERAPoco fa ho letto un articolo su Tom’s Hardware (LINK) in cui si riportava di un bizzarro progetto per costruire (e forse commercializzare) una custodia per sparire da qualsiasi cella GSM et simila con o contro la volontà del telefono.

In pratica il concetto è che, con i cellulari di nuova generazione con la batteria saldata ed uno spegnimento più simile allo standby che allo shutdown, in realtà anche spegnendo il telefono si potrebbe essere costantemente monitorati grazie a funzioni che rimangono perennemente attive (c’è anche la leggenda metropolitana che anche i vecchi telefonini continuavano a comunicare finché non veniva rimossa la batteria ma questa è effettivamente leggenda).
A questo proposito ci vorrebbe una custodia che isolasse ogni comunicazione… a 80$ HHAHAAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAA ma che… hahahahahah.

Ok, ecco come farvi una custodia egualmente funzionale a 8 euro cents…

Vi serve:

  • una bustina poco più alta del vostro cellulare
  • un foglio di alluminio alimentare piegato in due e con a vista entrambi i lati riflettenti (non quello opaco)
  • nastro adesivo
  • graffetta o velcro o inventate voi…

Bene procedete come nelle immagini

OLYMPUS DIGITAL CAMERAIn pratica avvolgete la bustina di plastica nel doppio strato di alluminio in modo che non ci sia alcun vuoto

OLYMPUS DIGITAL CAMERAE tutte le giunture, tranne ovviamente l’apertura da cui inserire il cellulare, sigillatele e rinforzatele con lo scotch. A lavoro finito, poi, potete inserire il pacchetto di alluminio in una custodia più bella esteticamente o quel che volete.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAFatto questo ricordate che il pacchetto deve essere più alto del cellulare poiché dovete ripiegare l’apertura su se stessa per la chiusura. Ecco fatto! 5 minuti con la pausa caffé.

Provate a chiamarvi da un telefono fisso e, se tutto è stato fatto bene e non avete un cellulare alieno, dovreste ricevere il messaggio del vostro gestore che vi indica il telefono non raggiungibile.

Tutto quà… 80$

 

edit:

Ah, dimenticavo! Ho letto in un commento dell’articolo di Tom’s Hardware che il telefono, non riuscendo ad agganciare una cella aumenta via via la potenza del segnale portando all’esaurimento della batteria. Questo è giusto ma va anche sottolineato che l’aumento di potenza determina anche il riscaldamento del dispositivo che aumenta comunque il rischio di deteriorarlo prima del tempo.

In ogni caso questo non dovrebbe essere un problema poiché questo tipo di pouch si prevede venga utilizzata a telefono spento, quando si presume appunto che anche da spento il sistema potesse connettersi ed inviare dati su di noi.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...